Vai direttamente ai contenuti

Home > Notizie > Una valigia di Sogni e Speranze: premiata Daria Maria Rohan

Una valigia di Sogni e Speranze: premiata Daria Maria Rohan

08.10.2012

Venerdì 5 ottobre, nella sede dell’Automobile Club Massa Carrara, Daria Maria Rohan ha ricevuto il premio per aver vinto il concorso "Una Valigia di Sogni e Speranze", indetto nella sua terza edizione dall’Automobile Club Massa Carrara per l’anno scolastico 2011 - 2012.
Durante la cerimonia, informale e familiare, Daria ha ricevuto un assegno da 400 euro che la aiuterà ad affrontare al meglio il nuovo anno scolastico. Nelle parole del Vice Presidente dell’Ente, Avv. Cordiano Romano, ha trovato piena espressione il grande valore simbolico e concreto di questo concorso, dedicato ai ragazzi stranieri della nostra provincia.

L’Avvocato Cordiano Romano, vice Presidente dell’Ente, ha esordito portando i saluti del Presidente, l’Avv. Gian Carlo Rossi. "Questa è una piccola cerimonia" ha continuato poi "ma con un grande valore. Un grande velore perchè, attraverso questo evento, ricordiamo una persona speciale, una persona che ha saputo lasciare un’impronta ed un ricordo indelebili nel mondo della scuola e nel nostro mondo ACI: il Professor Rolando Carotenuto, che ha dedicato una gran parte della sua vita ai più bisognosi ed indifesi; ed è una grande cerimonia per il premio che viene consegnato alla piccola Daria, come riconoscimento per l’ottimo lavoro svolto. E’ un primo premio" ha continuato rivolgendosi alla bambina, davvero commossa "ma sicuramente ne arriveranno altri, che renderanno evidenti le tue capacità e la tua grande forza di volontà."

Alla cerimonia, oltre alla piccola Daria, che quest’anno ha iniziato a frequentare la I classe della Scuola Secondaria di Primo Grado Malaspina, erano presenti la Dott.ssa Mirca Pollina, che ha letto il tema di Daria, ed il Prof. Piero Arrighi, entrambi membri della commissione che ha valutato le opere pervenute. Era, con suo grande rammarico, assente la Dott.ssa Antonella Diamanti, anch’ella membro della Commissione, per precedenti impegni di lavoro. Presente la Dott.ssa Bianca Maria Abbruzzese, Vice Direttore dell’Ente, che ha unito le proprie alle congratulazioni dell’Avv. Romano, la Dott.ssa Anna Galli, che si occupa dell’organizzazione delle attività di educazione stradale dell’Ente, e la maestra della bambina, orgogliosa del suo successo.

Leggi il tema di Daria, vincitrice del concorso.

Una Valigia di Sogni e Speranze edizione 2011 - 2012: qualche notizia in più

Il Premio, ispirato all’Ispettore Scolastico Rolando Carotenuto, è giunto alla sua III edizione.

Sono state messe in palio 2 borse di studio del valore di 400,00 euro ciascuna, una dedicata agli alunni stranieri che hanno frequentato la V classe delle Scuole Primarie, una dedicata agli alunni stranieri che hanno frequentato la III classe delle Scuole Secondarie di I Grado.

Per partecipare al concorso è necessario aver conseguito almeno la media di 8/10. Infatti il tema deve essere corredato da una presentazione dell’alunno da parte del Dirigente Didattico. Quest’anno hanno partecipato soltanto alunni delle Scuole Primarie, e quindi è stato assegnato un solo premio.

Ha vinto Daria Maria Rohan, classe V della Scuola Primaria Dante Aligheri (II circolo di Massa).

Queste le motivazioni dell’assegnazione del premio:

L’alunna ha espresso l’elaborato in forma corretta e scorrevole, interpretando in un modo adeguato le indicazioni del bando di concorso. Ha espresso quindi quali sono state le problematiche di inserimento ed integrazione sue e della famiglia, quali sono i suoi sogni e le sue speranze, con un linguaggio accurato da cui si deduce maturità di pensiero. Dalla relazione presentata dal Dirigente scolastico si evince un buon percorso nella scuola primaria, che l’ha portata a raggiungere la votazione di 9/10.

Gli altri ragazzi partecipanti hanno frequentato la classe V di due scuole primarie (Bagnone e Villafranca) dell’Istituto Comprensivo Baracchini. Non sono stati premiati perché il primo, Omar Ezwawi, è un ragazzo libico che ha la nonna a Bagnone e conta di tornare presto nel suo paese; mentre la seconda, Benedeta Shahu, albanese, non ha evidenziato nel tema particolari difficoltà di integrazione e si è concentrata soprattutto nell’esprimere i suoi sogni futuri.